Tu sei qui

Saggistica

Naufraghi senza volto. Dare un nome alle vittime del Mediterraneo

Editore: 
Raffaello Cortina Editore
Anno: 
2018
Luogo di edizione: 
Milano

Presentazione: 

Il corpo di un ragazzo con in tasca un sacchetto di terra del suo paese, l’Eritrea; quello di un altro, proveniente dal Ghana, con addosso una tessera della biblioteca; i resti di un bambino che veste ancora un giubbotto la cui cucitura interna cela la pagella scolastica scritta in arabo e in francese. Sono i corpi delle vittime del Mediterraneo, morti nel tentativo di arrivare nel nostro paese su barconi fatiscenti, che raccontano di come si può “morire di speranza”. A molte di queste vittime è stata negata anche l’identità.


Immagini e testimonianze dall'esilio

Editore: 
Jaka Book
Anno: 
2019
Autore: 

Presentazione: 

Oggi siamo testimoni di migrazioni di massa che portano milioni di individui a spostarsi in terra straniera, senza conoscere la lingua del paese in cui forse approderanno, respinti o drammaticamente, talvolta tragicamente, emarginati e dunque di fatto esiliati. Ma l’esilio è anche «la figura di uno stato esistenziale o mentale» o addirittura metafisico come ha scritto un esule, il poeta Iosif Brodskij.


Il grande carrello. Chi decide cosa mangiamo

Editore: 
Laterza
Anno: 
2019
Luogo di edizione: 
Roma-Bari

Presentazione: 

Di Stefano Liberti e Fabio Ciconte. Da dove arriva il cibo che compriamo al supermercato? Chi ne decide il prezzo e la disposizione sugli scaffali? Chi paga davvero il costo delle offerte promozionali? Qual è l’impatto sulla qualità dei prodotti che mangiamo? Due giornalisti, autori delle più importanti inchieste sulle filiere agro-alimentari, ci svelano i segreti che si nascondono dietro gli scaffali dei supermercati.


L'età dei muri. Breve storia del nostro tempo

Editore: 
Feltrinelli
Anno: 
2019
Luogo di edizione: 
Milano
Autore: 

Recensione: 

“Chi di noi è ancora in grado di immaginare un mondo senza muri, oggi?” (p.137) Una domanda centrale, quella che si pone Greppi nel suo saggio, dal momento che, se con il crollo del muro di Berlino ci si fosse illusi che una nuova fase stesse iniziando, effettivamente ne è iniziata una, ma che ha visto la crescita esponenziale degli stessi e non la loro fine. Se l’origine dei muri è stata essenzialmente militare, oggi molti di essi servono per nascondere, allontanare l’altro, l’intruso che minaccia lo statu quo, come ben argomenta lo studioso.


Le parole sono importanti

Editore: 
Einaudi
Anno: 
2019
Luogo di edizione: 
Torino

Recensione: 

Questa volta Balzano approda alla saggistica, sebbene mantenga un approccio fresco, curioso e di godibile lettura: offre infatti a chi legge un percorso attraverso alcune, importanti, parole di cui risale l’etimologia, mostrandoci le deviazioni nell’uso comune e contemporaneo, al punto da stravolgerne l’originario significato.


Storia dell'immigrazione straniera in Italia. Dal 1945 ai giorni nostri

Editore: 
Carocci
Anno: 
2018
Luogo di edizione: 
Roma

Presentazione: 

Il volume propone una ricostruzione storica dell'immigrazione straniera in Italia, a partire dal 1945. Ingressi, flussi, leggi, generazioni, lavori, conflitti e speranze si intrecciano con un ritmo sempre più incalzante fino ad arrivare ai nostri giorni. Il volume traccia la dimensione quantitativa del fenomeno nel corso del tempo e la sua evoluzione, il radicamento sul territorio, le politiche adottate per governarlo, le polemiche che ne sono scaturite, l'impatto che ha avuto sulla società.


Non siamo rifugiati. Viaggio in un mondo di esodi

Editore: 
Einaudi
Anno: 
2018
Luogo di edizione: 
Torino
Autore: 

Presentazione: 

Agus Morales segue le orme degli esiliati della terra, dà voce a coloro che sono stati obbligati a fuggire. Viaggia alle origini del conflitto in Siria, Afghanistan, Pakistan, Repubblica Centrafricana e Sudan del Sud. Cammina con i centroamericani che attraversano il Messico e con i congolesi che fuggono dai gruppi armati. Si addentra sulle strade piú pericolose, segue i salvataggi nel Mediterraneo, conosce le umiliazioni che soffrono i rifugiati in Europa. E sbarca presso l'ultima frontiera, la piú dura e la piú difficile da attraversare: l'Occidente.


Per forza o per scelta. L'immigrazione straniera nelle Alpi e negli Appennini

Editore: 
Aracne
Anno: 
2016
Luogo di edizione: 
Roma
Autore: 

Presentazione: 

Che cosa possono fare gli immigrati per la montagna italiana e che cosa può quest’ultima fare per loro? A questa domanda rispondono sociologi, antropologi, giornalisti, progettisti, amministratori locali e operatori sociali che, facendo ricerca o gestendo interventi, si occupano del fenomeno migratorio nelle Alpi e negli Appennini.


Effetto serra effetto guerra. Clima, conflitti, migrazioni: l'Italia in prima linea

Editore: 
Chiarelettere
Anno: 
2017
Luogo di edizione: 
Milano
Autore: 

Presentazione: 

Quanto i cambiamenti climatici influiscono sulle migrazioni e sulle crisi internazionali? Più il deserto avanza più le ondate migratorie aumentano. Più cresce il pericolo di guerre. Un analista diplomatico (Grammenos Mastrojeni) e un fisico del clima (Antonello Pasini) indicano la strada per gestire cooperativamente il futuro che ci aspetta e che sarà segnato dalla rivoluzione climatica già in atto. Continue ondate migratorie aprono scenari a cui non eravamo preparati e paiono il preludio a esodi di interi popoli.


Stranieri residenti. Una filosofia della migrazione

Editore: 
Bollati Boringhieri
Anno: 
2017
Luogo di edizione: 
Torino

Presentazione: 

Nel paesaggio politico contemporaneo, in cui domina ancora lo Stato-nazione, il migrante è il malvenuto, accusato di essere fuori luogo, di occupare il posto altrui. Eppure non esiste alcun diritto sul territorio che possa giustificare la politica sovranista del respingimento. In un’etica che guarda alla giustizia globale, Donatella Di Cesare riflette sul significato ultimo del migrare. Abitare e migrare non si contrappongono, come vorrebbe il senso comune, ancora preda dei vecchi fantasmi dello jus sanguinis e dello jus soli.


Pagine

Abbonamento a RSS - Saggistica